Comune di Auletta
Comune di Buccino
Comune di Caggiano
Comune di Campagna
Comune di Castelnuovo di Conza
Comune di Colliano
Comune di Contursi Terme
Comune di Laviano
Comune di Oliveto Citra
Comune di Palomonte
Comune di Ricigliano
Comune di Romagnano al Monte
Comune di Salvitelle
Comune di San Gregorio Magno
Comune di Santomenna
Comune di Valva

Palomonte

L'etimo più attendibile sembra essere quello di origine indoeuropea, *pal che significa "roccia, collina, monte". Altra ipotesi accreditata dagli storici è che il nome del paese derivi da Palaios ("antico"), nome tipico di molti paesi mediterranei.
Il paese si è sempre chiamato Palus-Palo fino al 1862, quando un Regio Decreto del primo re dell'Italia unita, Vittorio Emanuele Savoia, ne cambiò il nome in quello attuale, Palomonte (da "palo - monte").
Palo è documentato per la prima volta nel 1043 (non è ritenuta infatti attendibile la notizia secondo cui nel 1022 era castellano del Castello di Palo un certo Gismondo Parisi, normanno).
Il castello entrò a far parte del Principato di Venosa e fu concesso in feudo dagli Angioini alla famiglia De Poncellis (o De Porcellis o Porcelletta), poi passò ai Gesualdo per vincoli matrimoniali, successivamente ai Caracciolo, di nuovo ai Gesualdo fino a che fu venduto nel 1674 al Marchese Prospero Parisani, che ne fu proprietario fino all'eversione della feudalità nel 1806.
Annessa all'Italia con tutto il Regno delle due Sicilie, Palomonte risentì della politica antimeridionalista del governo e fu scossa dal brigantaggio e soprattutto dall'emigrazione verso le Americhe, assai intensa a causa della profonda miseria.
Completamente distrutta dal terremoto del 1980, non è stata ancora del tutto ricostruita. Solo le campagne hanno cambiato volto grazie allo sviluppo edilizio concentratosi nelle frazioni di Bivio e di Perrazze.

Le manifestazioni folcloristiche
Denominazione
Località
Periodo
Trebbiatura con mezzi d'epoca
Piano Martino-Sperlonga
1^ quindicina di Agosto

Alla manifestazione partecipano vecchi contadini vestiti con abiti antichi. Essi utilizzano semplici attrezzature del passato con l'ausilio di caratteristici buoi addestrati che trainano una grossa pietra, la quale schiaccia i fasci di grano favorendo la fuoriuscita dei chicchi oppure utilizzano vecchie macchine trebbiatrici. Caratteristica è la fase di ventilazione per separare il grano dalla paglia. Essa viene effettuata a mano con forche e cesti, sollevando verso l'alto il miscuglio che ricade a terra e per differenza di peso si separa.

indietro                                                                                  avanti


 

 

Contatti

Fatturazione

Sede legale: in località Braida 84021 - Buccino (SA)

Sede amministrativa ed istituzionale: in via S.p. 429 n.7 - 84020 Oliveto Citra (SA)

 

Telefono

Oliveto Citra: 0828750311

Buccino: 0828752411

 

Fax

Oliveto Citra: 0828995605

Buccino: 0828752430 

 

PEC

protocollo.cmtanagro@asmepec.it  

  

Partita IVA: 91043190650                                                                                

Codice Fiscale: 91043190650

Denominazione ente:

Comunità montana Tanagro Alto e Medio Sele

Codice Univoco Ufficio: UFHMBA

 

Nome ufficio:

Uff_eFatturaPA 

 

Codice Fiscale Servizio di FE: 91043190650

 

Ultima data validazione CF: 25/11/2014

Data di avvio del servizio: 31/03/2015

Regione ufficio: Campania

Provincia ufficio: SA

Comune ufficio: Buccino

Indirizzo ufficio: loc. Braida n.1

CAP ufficio: 84021

torna all'inizio del contenuto